Tecniche di Trading: Dax pattern

Ormai è risaputo: la maggior parte dei traders cerca il Sacro Graal delle tecniche, quella che non sbaglia mai, quella che va sempre a target e che non ti fa perdere mai denaro.

Ormai è risaputo: questa tecnica non esiste.

Esistono invece tecniche “oneste” e profittevoli seppure siano soggette, come tutte le tecniche “oneste”, a subire i temibili “stop loss” (chissà poi perché temibili, se è vero, come è vero, che le perdite fanno parte imprescindibile del trading).

E’ quello che imparerai al corso “Il Trading per chi inizia” in programmazione il 18 aprile a Milano. Scopri di più cliccando qui

Ed è così che alla spasmodica ricerca del Sacro Graal la maggior parte dei trader dimentica le tecniche semplici, l’analisi tecnica di base e anche quei semplicissimi pattern di prezzo che danno spesso molte soddisfazioni.

Guardiamo insieme questo spaccato del Dax future scadenza giugno 2015

Dax

E’ vero o non è vero che potevamo trarre un ottimo profitto seguendo alcuni pattern di base che abbiamo trattato innumerevoli volte nelle pagine di questo sito?

Se vuoi finalmente seguire un corso avanzato per imparare a fare trading come un vero professionista dei mercati, il corso che fa per te è quello in programmazione il 19 e 20 aprile a Milano. Ultimi 2 posti disponibili. Scopri di più cliccando qui.

Torniamo al nostro grafico.

Primo trade a partire dall’alto: un IDNR4, classico pattern di compressione di volatilità che mostra indecisione del mercato. Si va short alla rottura del minimo della candela cerchiata in blu. Il target ciascuno lo prenda dove preferisce.

Pattern di prezzo: Velez, Capra, Ross

Successiva correzione con tre barre positive (verdi) una in fila all’altra con minimi e massimi crescenti. Non è forse questo il pattern declamato da Velez e Capra?

Se fossimo più affezionati a quel volpone (nel senso buono) di trader con la barba folta e bianca che risponde al nome di Joe Ross potremmo invece dire che siamo in presenza di un Ross Hook. Nell’uno e nell’altro caso, si va short sotto il minimo dell’ultima barra di correzione (linea rossa sul grafico). Anche qui il target ciascuno lo prenda dove crede.

Infine, a seguire, cerchiato in blu ancora un altro pattern su cui insisto addirittura da anni: un classico Boomer.

Ancor massima indecisione del mercato e compressione di volatilità con finale rottura (e short) sotto il minimo dell’ultima inside bar (linea rossa). Qui il target dovete per forza prenderlo nelle tre barre seguenti perché non ci sono più barre nel grafico.

Ricordate: il Sacro Graal lo trovate nelle cose semplici, bastano quelle e molta, molta disciplina per poter avere buoni, anzi ottimi risultati nel trading.