Il Grafico Heikin Ashi

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Una variante del grafico Candlestick è il grafico Heikin Ashi, un grafico ancora poco conosciuto dai trader.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Il pregio di questo tipo di grafico sta nella capacità di filtrare il rumore di mercato, cioè quei movimenti di breve o brevissimo periodo che tendono a falsare il trend di fondo e che traggono in inganno i trader meno esperti. Qui di seguito riportiamo due grafici sovrapposti in modo da mettere in evidenza le differenze sostanziali fra grafico Candlestick e grafico Heikin Ashi.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Image” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

heikin ashi

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

I due grafici si riferiscono allo stesso strumento finanziario e alla medesima unità di tempo. Balza subito all’occhio come nel grafico Heikin Ashi (in basso) non si evidenziano né gap né lap, il grafico si mostra senza nessuna interruzione in modo continuo. Questa caratteristica è dovuta al metodo di costruzione delle candele Heikin Ashi (HA):

1.Il valore di chiusura della candela HA è dato da una sorta di media della candela corrente.
Chiusura HA = (Apertura + Massimo + Minimo + Chiusura) / 4.

2.L’apertura della candela HA corrisponde alla media del body (corpo) della candela precedente. Apertura HA = (AperturaHA[1 ] + ChiusuraHA[1]) / 2.

3.Il massimo della candela HA è il valore più alto tra il massimo della candela corrente, l’apertura e la chiusura sempre della candela corrente calcolata con il metodo HA visto ai punti 1 e 2. MassimoHA= Max (Massimo, AperturaHA, ChiusuraHA).

4.Il minimo della candela HA è il valore più basso tra il minimo della candela corrente, l’apertura e la chiusura sempre della candela corrente calcolata con il metodo HA visto ai punti 1 e 2. Minimo HA = Min (Minimo, AperturaHA, ChiusuraHA).

Un’altra evidente differenza è data dalla colorazione delle candele che non cambiano il loro colore una volta stabilito un trend, cosa che non avviene nel grafico candlestick.

Attualmente la maggior parte dei software di analisi tecnica danno la possibilità di graficare automaticamente i prezzi con questo particolare metodo.

Di default il colore delle candele HA è rosso per le candele ribassiste e verde per quelle rialziste. Una particolare indicazione su un potenziale cambio di trend è fornita proprio dal cambio di colore della candela HA, soprattutto se ciò avviene in presenza di candela doji (apertura e close allo stesso livello). Il cambio colore delle candele HA può essere sfruttato operativamente per entrare in posizione, con l’aiuto di qualche filtro come potrebbe essere una semplice media mobile o un indicatore.

Vediamo un esempio reale su un grafico daily:

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Image” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

doji

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Il grafico mostra due situazioni della tecnica descritta precedentemente, la quale individua delle possibili inversioni con il cambio colore della candela HA associato ad una candela doji.

Conclusioni

Le Heikin Ashi sono uno strumento versatile in grado di filtrare il rumore, prefigurare inversioni e identificare i classici modelli di grafico. Infatti, tutti gli aspetti di analisi tecnica classica possono essere applicati a questi grafici. Inoltre tutti i grafici possono utilizzare le HA per identificare supporti e resistenze, tracciare le linee di tendenza o ritracciamenti di misura. Funzionano bene anche gli indicatori di volume e gli oscillatori di momentum.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Lascia un commento